Blefaroplastica - Plastica Palpebre


 

Spesso le palpebre sono le prime a rimaner danneggiate quando il viso comincia ad alterarsi in modo impercettibile ma progressivo, facendo assumere allo sguardo un aspetto meno giovanile, cadente e rilassato.
Questo fenomeno oltre a conferire un’aria stanca, segnata, meno vivace e meno ricca di espressività, può rendere difficoltosa, nei casi più accentuati, la completa apertura dell’occhio, portando ad una riduzione della corretta visione oculare.
Talvolta, in particolare in presenza di una storia familiare di borse palpebrali, è possibile che questo problema si presenti fin dall’età giovanile, causando un aspetto precocemente invecchiato allo sguardo di una persona. L’intervento che è utile alla correzione di tali difetti è la blefaroplastica: è un intervento chirurgico in grado di eliminare la cute ed il grasso orbitario in eccesso (borse palpebrali). Esso deve essere  programmato e realizzato in funzione dei problemi che ciascuna singola persona presenta.  Esso può essere effettuato contemporaneamente sia livello della palpebra superiore ed inferiore. Con l’intervento si rimuovono le alterazioni provocate dal passare degli anni  ma senza modificare   e l’espressione  degli occhi della persona.

L’intervento chirurgico:
La palpebra superiore viene operata mediante un’incisione cutanea posta nella piega soprapalpebrale, tremite essa si asporta la pelle ed il grasso in eccesso e si riporta lo sguardo ad avere un’espressione estremamente naturale, senza modificarne l’espressione ma rimuovendo le modifiche create dal tempo.
Per la palpebra inferiore, l’incisione viene effettuata subito sotto dell’attaccatura delle ciglia e si rimuove anche in questo caso il grasso in eccesso e la cute ridondante.
La dissimulazione delle incisioni all’interno delle pieghe anatomiche, associata alla naturale tendenza alla buona cicatrizzazione delle palpebre, rende le cicatrici molto poco visibili nella grande maggioranza dei casi.  l’intervento può essere effettuato con l’utilizzo di  un laser specifico.  Con il laser si può asportare la cute del grasso in eccesso e contestualmente coagulare in modo che  si diminuisce il gonfiore  post operatorio e il rischio di ecchimosi.

Che tipo di anestesia si utilizza?
L’intervento si effettua in anestesia locale, con poche ore di permanenza in clinica, o in anestesia generale in day hospital, a seconda delle preferenze del paziente.

Qual’è il post operatorio:
Il post operatorio è molto rapido ed in pochi giorni si riassorbe ogni gonfiore e le cicatricine divengono inapparenti. Il forte effetto ringiovanente fanno si che quest’intervento risulti spesso di grande soddisfazione per il paziente.
Le complicanze dovute ad anormale cicatrizzazione, come il lagoftalmo (incompleta chiusura dell’occhio) e l’ectropion (eccessivo stiramento della palpebra inferiore), in mani esperte sono molto rare e,comunque, trattabili.
I punti vengono generalmente rimossi dopo cinque giorni.
La convalescenza post operatoria è rapida ed ingenere, specialmente con l’uso di occhiali da sole coprenti o di trucco, in circa 7-14 giorni si può tornare alle normali attività.